giovedì 13 maggio 2010

Giovani dei centri sociali hanno occupato la casa di Scajola al Colosseo

Un centinaio di aderenti ai movimenti per la casa romani si è presentato poco fa nell’appartamento comprato dall’ex ministro con i soldi di Anemone. Lo scrive l’agenzia Dire. A renderlo noto e’ il consigliere comunale di Roma in Action, Andrea Alzetta (noto come Tarzan), che dichiara: “Ecco la soluzione per l’emergenza abitativa, togliere ai ricchi per dare ai poveri“.



Ad occupare sarebbe stato il ‘Gruppo fai la valigia‘, giovani vicini ai centri sociali e ai collettivi universitari di sinistra. Attualmente, nell’abitazione di Scajola, in via del Fagutale, ci sarebbero alcune decine di giovani.

Testo e foto tratte da Giornalettismo

14 commenti:

  1. contenuto copiato, foto compresa, da
    http://www.giornalettismo.com/archives/62905/scajola-occupata-sua-casa-colosseo/

    RispondiElimina
  2. Nessuna violenza (rubare a tutti i livelli è e rimane una violenza) può essere combattuta con un'altra violenza. Condanna a Scajola e condanna ai giovani occupanti!

    RispondiElimina
  3. Hanno ragione. Scajola ha rubato, rubato una proprietà pagata con soldi nostri. Non stanno occupando, si stanno prendendo ciò gli /ci appartiene...

    RispondiElimina
  4. Giusto !!! OKKUPARE le case dei politicanto no è un rato, è un dovere !!!

    RispondiElimina
  5. ma di ke violenza stai parlando?!? è un atto dimostrativo

    RispondiElimina
  6. Notizia confermata dall'Ansa: http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/topnews/2010/05/13/visualizza_new.html_1792152655.html

    RispondiElimina
  7. Non ho capito se hanno occupato oppure se stanno facendo un sit-in davanti l'appartamento... arrivano notizie contrastanti...

    RispondiElimina
  8. bravi, ben fatto....tanto qua se non ce le danno dovremo iniziare a prendercele!e non c'è NESSUNA VIOLENZA nell'occupazione, è solo il recupero di un diritto negato!

    RispondiElimina
  9. Sarebbe violenza se se la volessero tenere, la casa. Ma penso di no.

    RispondiElimina
  10. Quoto il terzo "Anonimo" e ne approfitto per chiedere al primo : Chi cazzo se ne frega se hanno postato la notizia da un altro sito?

    RispondiElimina
  11. Beh, occupare non è assolutamente un diritto. Però devo dire che visto che non ci pensa lo stato a recuperare le truffe dei nostri politici, è giusto che ci pensi qualcun altro.
    Andrea Ghezzi

    RispondiElimina
  12. Per fare qualcosa di utile per questo paese AIUTACI A COSTRUIRE IL MOVIMENTO VIOLA per fare la nostra RIVOLUZIONE CULTURALE.
    ADERISCI AL MOVIMENTO VIOLA cliccando (mi piace) su http://www.facebook.com/pages/Il-Movimento-Viola/111412682203273 e "suggerisci agli amici" dal menù a sinistra.
    Invitare tutti i tuoi contatti ad aderire alla pagina si può fare con un solo click.
    Ti spiego come.
    Clicca dal menu a sinistra "suggerisci agli amici" e si apre la finiestra con tutti i tuoi amici.
    Copia il comando Java:
    javascript:fs.select_all()
    sugli indirizzi di Explorer e premi invio. Così vengono selezionati tutti gli amici in un sol colpo, premi invio e il gioco è fatto.
    DOBBIAMO DIVENTARE 5 MILIONI per fare la nostra RIVOLUZIONE VIOLAAAA!
    Pubblica ovunque questo comunicato, dacci una mano a costruire il Movimento Viola in modo democratico.
    Diffondi questo cominicato in modo VIRALE in rete per costruire un vero Movimento Viola e non una pagina asservita ai capricci di un Santo Precario che non si sa da chi sia manovrato.
    Leggi la nota che ho scritto sul mio profilo che spiega il motivo di questa iniziativa.
    Anche il grande Ferdinando Imposimato ha riconosciuto che se non ci organizziamo non arriveremo mai a niente e tutto svanirà come una bolla di sapone.
    DIMOSTRIAMO CHE IL 5 DICEMBRE NON ABBIAMO SCHERZATO!!!!

    RispondiElimina
  13. La ritengo una cagata senza precedenti. Nessuno li ha nominati per occupare quella casa che, ovviamente, è stata pagata con i soldi di tutti noi... è un diritto (arbitrario e non concesso) che si sono presi.

    La sola cosa decente da fare, secondo me, è vendere il tutto a qualche riccone, indi recuperare quei soldi. Infine, usarli per sanare in parte il debito pubblico o che so io.
    In alternativa, demolisci gli interni, vendi i mobili all'asta e ne fai un museo, un centro ricreativo o qualcosa di simile. Anche perché, se non mi sbaglio, non è proprio un monolocale...

    RispondiElimina
  14. Io ne farei un museo contro la mafia

    RispondiElimina

Archivio blog